Thursday, 31 March 2016

Shanghai where to eat: mini restaurant guide

Shanghai is definitely a big of those where you can find anything, anytime, anywhere.
I recon it can be a bit overwhelming so I decided to share with you a few restaurants and shops I really liked ;)I decided to dived this post into two parts so this time I'll be sharing with you some tips about where to eat in Shanghai!


Shanghai è senza dubbio una grande città dove si può trovare di tutto, in ogni posto e a qualsiasi ora.
Riconosco quindi che può disorientare un po', quindi ho pensato di condividere con voi un paio di ristoranti e negozi che mi hanno particolarmente colpita. Ho deciso di dividere il post in due parti e oggi parliamo di dove mangiare a Shanghai!

Sichuan Citizen - 30 Donghu Rd, Xuhui,
It's a traditional Chinese restaurant where you can find all sorts of dishes (with pictures), keep in mind most of them are spicy so watch out for that if it's not your thing. Their Basil Drop cocktail is a true must so you should absolutely to try it! It's a green concussion with basil and vodka, delicious and doesn't really taste like alcohol...I'm just saying...

Sichuan Citizen - 30 Donghu Rd, Xuhui
Si tratta di un tradizionale ristorante cinese, sia per la cucina che per lo stile dell'arredamento, dove troverete un'ampissima selezione di piatti tipici (con tanto di foto) davvero deliziosi. La maggior parte dei piatti sono piccanti, quindi se la cosa non fa per voi chiedete prima di ordinare.
Il Basil Drop, un cocktail a base di vodka e basilico, è il loro punto di forza, infatti molte persone si recano nel locale anche solo per questo. In effetti è delizioso e non sembra affatto alcolico quindi...fate attenzione ;)

Liquid Laundry - Kwah Centre 2F - 1028 Huaihai Zhong Lu
This is such a cool place you cannot miss it! The interiors are so well thought, it's one of those places where even the restroom it's worth a visit. The food is mostly American and on the weekend they do an amazing brunch.

Liquid Laundry - Kwah Centre 2F - 1028 Huaihai Zhong Lu
Un locale che non potete lasciarvi scappare. A parte la cucina, il suo vero punto di forza è l'arredamento studiato nei minimi dettagli uno di quesi posti dove merita vedere anche la toilette. Se ci riuscite fatevi dare un tavolo vicino alle vetrate per godervi la vista e la luce migliore. La cucina è principalmente Americana e nel fine settimana da non perdere il loro delizioso brunch!

Element fresh -
You can find it everywhere in Shanghai and it's nice to have this healthy and delicious option. Try their juices and smoothies as well as their great selection of vegetarian food.

Element fresh -
Trovate ristoranti di questa catena praticamente ovunque a Shanghai ed è un'ottima opzione se avete voglia di mangiare un po' di frutta e verdura. Da provare le loro centrifughe, gli smoothies e i deliziosi piatti vegetariani.

Meng Café - 115 Wuyuan Lu, near Wulumuqi Lu
A lovely café in the hearth of French Concession. The owners Lesi, Sandy and Iris will welcome you with a smile and make you feel home. The cafe is small but cozy and decorated with incredible taste. Every Tuesday you can join them for the movie night while sipping the best Spritz in town! 

Meng Café - 115 Wuyuan Lu, near Wulumuqi Lu
Un delizioso café nella French Concession, dove le proprietarie Lesi, Sandy e Iris vi accoglieranno con il sorriso, facendovi subito sentire a vostro agio. Il locale è piccolo ma colorato e arredato in maniera deliziosa. Ogni martedì serà potete fermarvi per la movie night sorseggiando il migliore Spritz della città!

Of course there are plenty more options but this is just my fair share ;) I hope you liked it and don't forget to come back for part two!


Ovviamente ci sono moltissime altre opzioni, ma diciamo che queste sono i posti che ho avuto occasione di provare e che mi hanno colpita! Spero che il post vi sia piaciuto e non dimenticate di tornare a trovarmi per la seconda parte!




Monday, 28 March 2016

Stormy Weather in Shanghai

Note for the reader:
Pour yourself a drink and play the song above to fully enjoy what you're about to read...ready?

Night. I was wandering around the streets of Shanghai…what can I say? I always dreamed about visiting this city, so modern yet so full of contrasts, it was one of those nights to keep in mind once I’d be sadly back home.

But…a friend of mine, a musician, called me around midnight. We'll call him Stig. He just finished singing and he doesn’t felt like coming back to his hotel: “Want to see a place? Ok meet you in 20 minutes in front of Element Fresh in Xintiandi. Then we can walk there, it’s not close but it’s nice outside.”

I have to admit I was slightly worried: this guy is a bit…say…unpredictable and "it's nice outside" meant 7°.
After just about half an hour of cit chats I found myself in front of a shop selling cook books and household products. Oddly enough it was still open. He red with amusement my doubtful look.
With the daring face typical of all Opera singers, he whispered something to the clerk behind the counter. This lean guy,  nodded with a blank face and turned to a library full of Chinese cook books.

I thought he might want to buy one for me, even though I didn’t quite got why, since we’ve know each other for a while and he knows I don’t really cook…

and then the magic happened: the lean guy slid the library along the wall, like in Young Frankenstein and revealed a narrow corridor, with red brick walls,  barely illuminated. It can’t be real, I couldn’t believe it. My friend whispered in my ear “Hold your jaw, it’s not all yet.”

The corridor led to a top floor where I found myself in a small bar, wooden furniture and amber lights. We were in a sort of small club, where you can have a drink while listening to jazz music. In the hearth of Shanghai this place makes me feel like I’m in New York during Prohibitionism.

The room looks already full with the few customers who were already in in. We kept running the wooden stairs but after a few steps we had to stop. The stairs ended on a blind landing.
He told me to “Push the map on the wall” and so I did: I placed my hand on an old map of Shanghai,  faded by the time and something clicked: the wall moved and we enterd the privèe.
An even smaller counter, a bar-woman behind it and six stools. The warm lights made me feel at ease and the sound of a Sax warmed up my ears. Moments of astonishment mixed with happiness.
I was in a movie and no one told me about it.
The bar-women looked very young, she has delicate features but she handled the shaker with confidence behind the counter.

Her name is Faye, she’s Japanese and she’s the Bar manager. She told me they don’t just make drinks, they prepare real cocktails, elixirs of pure joy for your eyes and palate. The products they use are top quality, meticulously measured to create their special recipes, most of which are secret.

The decor is not casual: the nuances of the wood, the lights, the interiors, the aged metal of the counter…everything is designed to make you feel like who’s behind the counter is not just an element but the main character.

At this point I’m game and I order a Charlie Brown, so well presented that I almost feel bad to taste it.

My friend plays Humphrey Bogart and ask for “the usual”, even though he points out that is a “Stormy Weather”.

When I saw Faye serving him the drink with a coaster that looks like a music score I get why we chose a Stormy Weather. He likes to be stylish even with his drinks.

What can I say? In a place like this where the lights are not strobing and the music makes conversation easy, time goes by so nicely but unfortunately relentlessly.

An hour later on a taxi, on my way back to the hotel I asked myself if it really happened, wondering if it was just a dream. Then I look down at the playing card with Charlie Brown & C. still in my hands and I convinced myself that yes, it happened and if one day I want to go back there it wouldn’t be a problem I wrote down the address on the back of Stormy Weather coaster…
What? Do you want it too? No way, it’s too easy, you have to ask Stig

Intrigued? Be sure to come back for my next post...




Nota per il lettore:
Versatevi un drink e date il via al brano qui sopra per assaporare a pieno quello che state per leggere...pronti?

Sera. Una passeggiata randagia per le strade di Shanghai...che dire? Per me, che ho sempre sognato di visitare questa città così moderna e così piena di contrasti, era già una serata da conservare per i momenti un pò tristi, una volta tornata. 

E invece...un amico musicista mi contatta verso mezzanotte. Lo chiameremo Stig. Aveva appena finito di cantare e non aveva voglia di rientrare in albergo: “Ti va di vedere un posto? Ok, tra 20 minuti davanti Element Fresh a Xintiandi. Poi ci arriviamo a piedi, non è vicinissimo ma stasera si sta bene fuori”.

Ero un pò preoccupata, lo ammetto: il tipo è un pò imprevedibile e la serata calda di cui parlava segnava sul termometro 7 gradi.
Dopo poco meno di mezz’ora di chiacchiere mi trovo davanti ad un negozio che vende casalinghi e libri di cucina.
È stranamente aperto. Lui legge divertito il mio sguardo interrogativo.

Con quella faccia di bronzo che solo un cantante lirico può avere, bisbiglia qualcosa al commesso dietro la cassa. Questo, un ragazzo smilzo dallo sguardo imbambolato fa un cenno affermativo col mento e si volta verso la libreria con sopra i volumi di cucina cinese.

Vorrà regalarmene uno penso, anche se non ne capisco il motivo, visto che ci conosciamo da un po' e non ho mai cucinato...

Ed ecco che inizia la magia: lo smilzo fa scorrere la libreria verso sinistra, lungo il muro, come fossimo in Frankenstein Junior, facendo apparire un corridoio stretto, poco illuminato, con pareti di mattoncini rossi. Non è vero, non ci credo. Il mio amico si avvicina al mio orecchio e mi fa “aspetta a perdere la mascella, non è finita.”

In effetti il corridoio porta al piano superiore, dove mi ritrovo in una piccola sala bar, arredata con legno caldo e luci ambrate. Siamo in una specie di piccolo  club, dove si servono cocktail e si ascolta musica jazz. Nel cuore di Shanghai un posto che fa tanto periodo proibizionista a New York. Fantastico. 

La saletta è già piena con i pochi avventori che vi possono entrare. Continuiamo per le scale, ora di legno, ma dopo pochi passi dobbiamo fermarci. La scala finisce su un pianerottolo cieco.
“Push the map” mi dicono è così faccio: appoggio la mano su una vecchia cartina di Shanghai ingiallita dal tempo e faccio scattare il meccanismo: la parete scorre e siamo nel privèe.

Un banco ancora più piccolo, una sola barman dietro il banco e 6 sgabelli. Il Sax mi scalda le orecchie, la luce mi rilassa. Attimi di attonita felicità. Sono dentro un film e nessuno mi ha avvertito.
La barman dietro il bancone sembra giovane, lineamenti dolcissimi ma movimenti decisi ed esperti con lo Shecker.

Si chiama Faye, è giapponese ed è la Bar manager. Qui non si fanno bevute mi spiega, si preparano veri cocktail, elisir di puro gusto non solo per il palato ma anche per gli occhi. I prodotti usati sono solo i migliori, le dosi studiate, rigorose e, in alcuni casi, segrete. 

Anche gli arredi non sono un caso: le nuance del legno, delle luci, della tappezzeria, il metallo invecchiato sopra il bancone...tutto è pensato per catapultarti nell’atmosfera in cui chi sta dietro il bancone non è un elemento ma protagonista. 

Ormai immersa nel gioco ordino un Charlie Brown, tanto ben presentato che quasi mi dispiace berlo. L’amico fa Humphrey  Bogart e chiede il solito, precisando poi però uno “Stormy Weather”. Quando vedo che Faye glielo  serve su un sottobicchiere su cui è stampato uno spartito, Stormy Weather appunto, capisco perchè ha scelto quello. Stiloso anche nei cocktail, lui.

Che dire? In un posto così, così pieno di personalità, dove le luci non sono laser e la musica agevola invece di impedire, la conversazione, il tempo scorre piacevolmente, rilassato. Ma purtroppo inesorabile.

Poco più di un’ora dopo, mentre in taxi rientro in albergo, mi chiedo se è stato un sogno. Poi guardo la carta da gioco con sopra Charlie Brown & C. E mi convinco che sì, è successo. E se un giorno avessi la possibilità di tornarci, non avrò problemi: l’indirizzo me lo sono segnato sul retro di Stormy Weather...

Come? Lo volete anche voi l’indirizzo? Neeeeeee, troppo facile, dovete chiedere a Stig...
Curiosi? Vi aspetto al prossimo post...



Friday, 25 March 2016


 "The more you know who you are and what you whant, the less you let things upset you"

They say in life you'll never know. There are unexpected experiences that comes just at the right time and opens up so many opportunities that you never thought would come your way. For me the trip to Shanghai was this. Just a year ago something like this seemed impossibile, so far away, something I wouldn't do. It still looks kinda surreal but it was definitely awesome. There are travels, experiences that are life-changing. The things you get to see, do, the people you get to meet and those you share these moments with helps to build your personality, regardless of how old you are, where you are from and where you're headed in life. Shanghai for me was this, something beautiful, unexpected and kinda magic. 
I just want to share with you a few pictures from my trip and I recommend you to follow me on Instagram if you aren't already!
There is more to come so keep you're eyes peeled for that ;)


Si dice che nella vita non si sa mai. Si fanno esperienze, alle volte inaspettate, che se arrivano al momento giusto aprono porte e opportunità che non si sarebbero altrimenti immaginate. Per me il viaggio a Shanghai è stato così. Solo un anno fa, tutto questo sarebbe stato impensabile, qualcosa che non avrei mai fatto. Se ci ripenso, mi sembra surreale averlo vissuto ma è stata decisamente un'esperienza fantastica. Ci sono viaggi, esperienza che ti cambiano profondamente. Le cose che hai l'opportunità di vedere, sperimentare, le persone che incontri, quelle con le quali condividi queste esperienze sono tutti elementi che arricchiscono la nostra personalità, a prescindere dall'età, dall'etnia e da dove si è diretti nella vita. Shanghai per me è stato anche questo, qualcosa di bello, inaspettato e magico in un certo senso.
Ho voluto condividere con voi, alcuni momenti del mio viaggio, attraverso queste foto e se non lo fate già vi consiglio di seguirmi su Instagram per vederne altre!
Ho ancora tante cosa di cui parlarvi quindi tornate a trovarmi ;)


Sunday, 20 March 2016

Get ready for Spring with

     1. Three Floor Aquarius dress
     2. Burberry London trench coat

Spring is finally here and I'm ready to ditch my boots and heavy coats and soak in the colorful, pastelly vibes of this season. A new season comes hand in hand with closet clean out...and I don't know about you but it freaks me out every single time. I live in a small space, my closet is tiny and things get crammed so easily!! Recently I learned about MakeSpace, an on-demand storage service that uses technology to help you declutter your life. Amazing right?! They provide you with free bins and wardrobe boxes for you to pack the items you'd like to store. They pick up, store, and deliver your stuff back when you want so you never have to visit a storage unit again. It's so convenient and they even have an app which makes things even easier! You should absolutely check out their website and I swear you (and your closet) won't regret it!!

So for this season I'm excited to bring back 7 staples that you cannot miss in your wardrobe!

1. Colorful dress
Let's be honest I tend to wear all black during Winter but in Spring I feel more playful and I can't wait to pop on some colors!

2. Trench Coat
The best part of warmer climate is wearing a trench coat. To me a trench look so classy and effortless, you can wear it day and nigh and always look perfect. Plus is light to carry around!

3. Sandals
Ok I know in Spring it's still kinda chilly but I love wearing high heeled sandals on a night out and you can kind of get away with them now...without having your toes completely freezing!

4. Colorful Clutch
As I was telling at point 1 for me Spring means color and there's nothing cuter than a colorful clutch! You can lighten up any look or play contrast with your outfit!

5. Sunnies
I wear them all year round but now there's actually a chance to experience a sunny day and it makes a whole of a difference isn't it? So pop you're trendy sunnies out and enjoy life!

6. Floral Fragrance
I like to switch up my fragrance according to my mood and to the season of course. A floral scent is always appropriate and this Byredo one is just divine!

7. Coral Lipstick
Wouldn't be Spring without a coral lipstick in your purse! Looks amazing and brightens up your complexion! A true must!

So what are your musts for Spring? Don't forget to stop by MakeSpace to learn more about they're services!!




La primvera è finalmente arrivata e sono prontissima ad abbandonare stivali e cappotti pesanti per godermi l'atmosfera colorata, dai toni pastello di questa stagione! Con il cambio di stagione, arriva l'immancabile cambio dell'armadio...e non so voi ma per me è sempre una tragedia. Vivo in uno spazio piccolo e il mio armadio è minuscolo, quindi le cose tendono ad accatastarsi facilmente. Di rencente sono entrata in contatto con MakeSpace, una compagnia che offre un servizio di storage attraverso un sitema tecnologico ed innovativo e ci aiuta a ordinare la nostra vita. Fantastico no?! Portano a casa vostra tutto il necessario per inscatolare le cose che volete mettere via, le prendono, le mettono in magazzino e ve le riportano quando volete. Hanno anche una app che rende il processo davvero semplicissimo. Dovete assolutamente visitare il loro sito e vi prometto che fare il cambio dell'armadio non sarà più la stessa cosa!! 

Ma torniamo a noi, per la primavera ho deciso di condividere con voi 7 pezzi irrinunciabili in qualsiasi guardaroba!!

1. Vestiti colorari
Sarò sincera, durante l'inverno, mi vesto principalmente solo di nero ma in primavera mi piace sperimentare con i colori e non vedo l'ora di tirare fuori dall'armadio i miei abitini colorati!

2. Trench
Quanto le temperature si alzano, la cosa migliore è inssore un bel trench. Per me è un vero classico, sempre chich, perfetto sa di giorno che di sera e in più leggerissimo, quindi facile da portare in giro!

3. Sandali
Ok lo so a primavera è ancora freschino, ma adoro indossare i sadali con il tacco, specialmente la sera e in questa stagione posso iniziare a farlo senza rischiare di trovarmi i piedi congelati! 

4. Clutch Colorata
Come dicevo al punto 1 per ma la primavera rappresenta i colori, e non c'è nulla di più carino di una clutch dai colori pastello! La potete usare per illuminare un look, o giocare con i contrasti.

5. Occhiali da sole
Li indosso tutto l'anno ma in questa stagione, capita più spesso di avere una bella giornata di sole dove poterseli godere davvero. E poi diciamocelo, un bel paio di occhiali da sole fanno tutta la differnza giusto? Quindi tirate fuori il vostro paio più trendy e godetevi la vita!

6. Fragranze floreali
Mi piace cambiare profumo a seconda del mio umore e della stagione ovviamente. In questo periodo una fragranza floreale è la più appropriata e questa di Byredo è davvero divina!

7. Rossetti Corallo
Non è primavera senza un bel rossetto color corallo! Illumina l'incarnato e rende fresco qualsiasi look! Un ver must!

Quindi quali sono i vostri must per la primavera? Non dimenticare di visitare il sito di MakeSpace per scoprire di più sui loro servizi!!



     3. Gianvito Rossi suede sandals
     4. Charlotte Olympia Columbus clutch
     5. Leaning x Olivia Palermo aviator style sunglasses  

     6. Byredo Flowerhead perfume
     7. Charlotte Tilbury lipstick in Coachella Coral